Enrico Rava 1974

Archivio Fotografico anni '70

Foto del trombettista Enrico Rava in concerto nel 1974.

A proposito del suo ritorno in Italia nel 1972, all’indomani dell’esperienza statunitense, dove in poco tempo era entrato a far parte del Gotha dell’avanguardia americana ed europea di personaggi come Carla Bley e Cecil Taylor, Enrico Rava racconta -“Ci fu una grande risonanza sui giornali per la serie di concerti che tenni a Milano e Torino. Dipendeva dal fatto che in quel periodo facevo delle cose fuori dal comune: ero l’unico jazzista italiano e uno dei pochi europei, a parte Joe Zawinul e Miroslav Vitous, a risiedere a New York. Questo ebbe un grande eco sia in Italia che in Francia”∗

A New York, dove ritornerà per restarvi fino al 1997, il trombettista italiano si esibisce con la sua prima formazione – di cui fanno parte il chitarrista John Abercrombie, il pianista Dave Burrell, il contrabbassista Stafford James, il batterista Jack DeJohnette e la cantante Jeanne Lee –  in due prestigiosi jazz club situati nel quartiere bohémien del Greenwich Village, Village Gate e Village Vanguard.

Tra il 1972 e il 1975, Enrico Rava incide, in veste di leader, cinque album con una pleiade di musicisti statunitensi, sudamericani e italiani, i quali si pongono come summa del caleidoscopico bagaglio esperienziale del trombettista composto da forme spontanee e libere, mélange delle tradizioni musicali sudamericane, be bop, jazz elettrificato, melodie di largo respiro: Il giro del giorno in 80 mondi (1972), Katcharpari (1973), Quotation Marks (1974), Pupa o Crisalide (1975), Jazz a Confronto 14 (1975)

∗ Estratto dell’intervista rilasciata a Marra Paolo

Contributo condiviso da Enrico Rava

Contributi Recenti

Stay in Tune

Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!


Scopri gli eventi e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del dipartimento Jazz del Saint Louis!
Playings is not game

get on google play

App Store icon


ARCHIVIO DEL JAZZ CITTÁ DI ROMA
powered by Saint Louis College of Musicwww.saintlouis.eu