Gegè Munari

Archivio Fotografico anni '60

Nella foto il batterista Gegè Munari.

Gegè Munari nasce a Fratta Maggiore in provincia di Napoli in una famiglia di musicisti, il padre Tommaso è contrabbassista e il fratello Pierino, batterista. Agli inizi degli sessanta si trasferisce a Roma, dove ha l’opportunità di entrare a contatto con la scena jazzistica capitolina: suona al locale “Il Clubino” in Via Lazio (traversa di Via Veneto) con Franco D’Andrea, da poco giunto da Bologna, e il clarinettista Gianni Sanjust e al “Purgatorio” (club ricavato nella parte sotterranea del ristorante “Meo Patacca” nel quartiere Trastevere) con lo stesso D’Andrea, Enrico Rava, il sassofonista argentino Gato Barbieri e i contrabbassisti Gianni Foccià, Giovanni Tommaso e Bruno Tommaso. Il batterista napoletano partecipa nel 1968 al disco “Stereokonitz” del sassofonista americano Lee konitz e accompagna diversi jazzisti della scena internazionale: Johnny Griffin, Martial Solal, Dexter Gordon, Chet Baker e Art Farmer.

Contributo estratto dal libro “L’Italia del Jazz” di Adriano Mazzoletti

Il batterista Gegè Munari, la foto

Contributi Recenti

Stay in Tune

Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!


Scopri gli eventi e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del dipartimento Jazz del Saint Louis!
Playings is not game

get on google play

App Store icon


ARCHIVIO DEL JAZZ CITTÁ DI ROMA
powered by Saint Louis College of Musicwww.saintlouis.eu

X