Il pianista e fisarmonicista Antonello Salis

Archivio Fotografico anni 2000

Nella foto di Roberto Cifarelli il pianista, fisarmonicista e compositore Antonello Salis al Saint Louis di Roma.

Antonello Salis dopo aver formato nel 1973 ad Alghero (Sardegna) “I Cadmo” – con il bassista Riccardo Lay e il batterista Mario Paliano – si trasferisce a Roma. Nella Capitale “I Cadmo” registrano due album “Boomerang” (1975) e “Flying over Ortobene mount in july seventy-seven” (1977) con Massimo Urbani. L’anno seguente al gruppo de “I Cadmo” si aggiungono il trombettista Danilo Terenzi e il sassofonista Sandro Satta (il nome del quintetto cambia in “G.R.A”). Al Music Inn di Roma Antonello Salis incontra importanti musicisti come Charles Mingus, Ornette Coleman e Dexter Gordon. Nel jazz club capitolino si esibisce con il quartetto del contrabbassista Marcello Melis per entrare in seguito in contatto e collaborare, nei primi anni ottanta, col trombettista Lester Bowie e gli Art Ensemble of Chicago. Negli anni collabora con altri esponenti del jazz internazionale: Pat Metheny, Enrico Rava, Paolo Fresu, Furio Di Castri, Don Cherry, Don Pullen, Fabrizio Bosso, Han Bennink e tanti altri.

Contributo estratto dal libro “Jazz Moment” a cura di Marco Molendini, Adriano Mazzoletti e Stefano Mastruzzi

Il pianista e fisarmonicista Antonello Salis

Contributi Recenti

Stay in Tune

Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!


Scopri gli eventi e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del dipartimento Jazz del Saint Louis!
Playings is not game

get on google play

App Store icon


ARCHIVIO DEL JAZZ CITTÁ DI ROMA
powered by Saint Louis College of Musicwww.saintlouis.eu