Il pianista Stefano Sabatini

Archivio Fotografico anni 2000

Nella foto di Max Pucciariello il pianista e compositore Stefano Sabatini al Saint Louis di Roma.

Stefano Sabatini dopo aver collaborato nei primi anni della sua attività artistica con Tony Scott, Massimo Urbani e Maurizio Giammarco si trasferisce a Los Angeles in California dove frequenta e si diploma presso la “Dick Grove School of Music”. Sempre nella città californiana incide un disco a suo nome con alcuni musicisti locali, tra cui il batterista Chester Thompson. Tornato in Italia entra a far parte della prima formazione dei “Lingomania” con Maurizio Giammarco, Flavio Boltro, Furio Di Castri e Roberto Gatto. Inoltre diventa membro dei gruppi di Massimo Urbani, Giovanni Tommaso, Tullio De Piscopo e suona con Johnny Griffin, Lee Konitz, Sal Nistico, Steve Grossman, Gary Bartz, Billie Cobham, Chet Baker, Bob Mintzer, Ronnie Cuber, Miroslav Vitous, Stefano Di Battista, Rosario Giuliani, Gianni Basso, Daniele Scannapieco, Dino e Franco Piana, Giovanni Amato, Stefano D’Anna e molti altri. Oltre all’attività di musicista ricopre il ruolo di docente di pianoforte, armonia e improvvisazione al Saint Louis Music Center di Roma.

Contributo estratto dal libro “Jazz Moment” a cura di Marco Molendini, Adriano Mazzoletti e Stefano Mastruzzi

Il pianista Stefano Sabatini

Contributi Recenti

Stay in Tune

Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!


Scopri gli eventi e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del dipartimento Jazz del Saint Louis!
Playings is not game

get on google play

App Store icon


ARCHIVIO DEL JAZZ CITTÁ DI ROMA
powered by Saint Louis College of Musicwww.saintlouis.eu