Jazz a confronto 7 – Martin Joseph

Discografia (etichette) anni '70

Album inciso dal pianista Martin Joseph per la serie “Jazz a confronto” pubblicata dall’etichetta Horo di Aldo Sinesio. Il disco viene registrato il 9 febbraio 1974 presso gli Studi Titania di Roma.

Martin Joseph: pianoforte/Bruno Tommaso: contrabbasso/Michele Iannaccone: batteria

Pianista inglese, nato a Londra, Martin Joseph intorno alla metà degli anni Settanta diviene una presenza fissa della scena del jazz di Roma. In precedenza aveva collaborato con i musicisti facenti parte della nuova generazione del jazz inglese: il trombettista Harry Beckett, il polistrumentista John Surman, il trombettista Ian Carr e il sassofonista Tubby Hayes e altri. Inoltre suona con i musicisti della scena rock inglese: Ginger Baker, batterista del power trio “Cream”, con Eric Clapton e Jack Bruce, il sassofonista Dick Heckstall-Smith e il batterista Jon Hiseman, fondatori del gruppo “Colosseum”, e Graham Bond, musicista e cantante, considerato il padre del R&B britannico.

Martin Joseph si esibisce negli spazi di aggregazione che la nuova compagine di jazzisti si ritaglia negli anni Settanta a Roma, come un piccolo teatro nel quartiere di Centocelle o nell’ambito dei festival autogestiti, tanto in voga in quegli anni, tra cui quello allestito nel quartiere di Monte Mario. Forma nel 1973 un trio con il contrabbassista Bruno Tommaso e il batterista Michele Iannaccone, a cui si aggiunge qualche volta il sassofonista Maurizio Giammarco. La formazione suona nello stesso anno nell’ambito del Festival Jazz di Formia. Il disco “Jazz a Confronto 7” rappresenta la prima prova in studio del trio e la seconda in assoluto per il pianista inglese (la prima era avvenuta nel disco inciso da Giancarlo Schiaffini per stessa serie discografica prodotta da Aldo Sinesio)

Cosi lo descrive Bruno Tommaso nel suo libro “La scuola che sognavo  – la musica come bene comune, il jazz come dialogo” (EDIN-PAN Edizioni Musicali) – “Joseph, uomo di mondo, pianista inglese, ha vagato dal Marocco all’Italia, da Santo Domingo al Perù…eppure nella sua apparenza timida e mingherlina, nel suo aplomb così british, rispettoso e distratto, rivela prima o poi un carattere dalla scelte decise, coerenti e coraggiose”. 

Collegamenti esterni:

Martin Joseph “Jazz a Confronto 7 – Chiaroscuro 
Martin Joseph Discography 

Contributi Recenti

Stay in Tune

Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!


Scopri gli eventi e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del dipartimento Jazz del Saint Louis!
Playings is not game

get on google play

App Store icon


ARCHIVIO DEL JAZZ CITTÁ DI ROMA
powered by Saint Louis College of Musicwww.saintlouis.eu