Disco del mese / GeGè Telesforo Impossible Tour Live

Turnaround

GeGè Telesforo did it again! A 25 anni di distanza dal precedente disco registrato dal vivo, il poliedrico artista torna in pista con questo album che racconta in presa diretta l’Impossible Tour 2021. Impossibile è un aggettivo che risuona forte: segnala – come leggiamo nel De Mauro – qualcosa che non si può realizzare o conseguire in quanto contrasta con le possibilità reali o supera i limiti delle umane capacità.  De Mauro, però, non conosceva Telesforo, e il suo indomabile desiderio di tornare su un palco per esprimere la gioia e i sensi della musica, della sua musica. Quando, cioè, tutto questo sembrava ormai cancellato dalla pandemia, GeGè e il suo storico manager Roberto Ramberti hanno allestito un tour di trenta concerti, su e giù per lo stivale,  da perfetti visionari.

Il risultato lo potete ascoltare nelle undici tracce che compongono il coloratissimo mosaico sonoro allestito dalla premiata ditta Telesforo e Co.: il pianista Domenico Sanna, talento tanto profondo quanto imprevedibile; Michele Santolieri, giovanissimo batterista abile a districarsi in tutti i dialetti del drumming contemporaneo; Dario Deidda e Luca Bulgarelli, che certo non hanno bisogno di presentazioni, a dividersi la scaletta tra basso elettrico e contrabbasso (e Bulgarelli è anche il responsabile di mix e mastering del disco, molto ben suonante), e l’incredibile Max Ionata, torrenziale tenorsassofonista. Una band rodatissima, che – come si dice di certi calciatori particolarmente affiatati – si trova a occhi chiusi, grazie a una perfetta disciplina dell’ascolto reciproco, dell’interplay, del suonare insieme non già inteso come obbligo contrattuale, quanto piuttosto come disposizione d’animo.

Poi, ovviamente, c’è GeGè, il suo scat virtuosistico, l’amore infinito per la musica di ogni latitudine, il piacere di intrattenere (e il saperlo fare come pochi), il garbo inimitabile, le acrobazie percussionistiche e quel suo modo caratteristico di dirigere la band fatto di gesti, occhiate, movimenti del corpo, alla ricerca della leggerezza e dell’intensità: un ossimoro che solo nella musica dei grandi si può rinvenire.

La scaletta pesca da un repertorio trasversale, che però viene filtrato attraverso una scelta timbrica ben precisa: tornare a una dimensione il più vicina possibile a quella acustica, lasciando vibrare gli strumenti, esprimendo sonorità naturali, sia sul palco che fuori. Un setting raccolto, intimo, che richiama l’atmosfera di un piccolo locale, ma che la band è riuscita a trasmettere anche in spazi maggiori.

Il tour impossibile di GeGè Telesforo non si ferma qui, però: da aprile la perfetta macchina del groove si rimette in moto: altre date, altre corse. Perchè la musica non si ferma, e impossibile è, in effetti, solo un aggettivo come tanti.

Articoli Recenti

Stay in Tune

Saint Louis Newsletter
Per essere sempre informato su prossimi eventi, master class, concerti e novità discografiche del Saint Louis!
Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!
Scarica Saint Louis App
Scarica l’applicazione Saint Louis per ricevere notifiche e aggiornamenti!

Stay in tune!

Saint Louis Newsletter
Per essere sempre informato su prossimi eventi, master class, concerti e novità discografiche del Saint Louis!
Scarica Jazz Up
L’app dedicata alla musica jazz a cura del Dipartimento di Jazz Saint Louis, è ora disponibile sugli store digitali!
Scarica Saint Louis App
Scarica l’applicazione Saint Louis, la scuola di musica a Roma per ricevere notifiche e aggiornamenti!

Rassegna stampa


SAINT LOUIS CAMPUS – Il blog Saint Louis di didattica e attualità
powered by Saint Louis College of Music

X