Roberto Giglio | La quinta stagione

8,00

Un album di dodici canzoni con cui si riappropria della sua identità di cantautore doc. I brani che articolano la scaletta, fanno di questo lavoro un contenitore di suggestioni sonore e letterarie, in cui descrizioni intime ed esistenziali si alternano a passaggi di respiro più largo ed universale.

Categoria:

La cura riservata alla composizione delle musiche e alla stesura dei testi si sposa con sorprendente naturalezza con sonorità acustiche e colori cari al jazz, uniti ad una raffinata dimensione orchestrale che rende ciascuna canzone una piccola opera. Non a caso la musica di Roberto Giglio si realizza al meglio nell’interpretazione di grandi musicisti, che ne valorizzano i numerosi spunti armonici e melodici – un gusto piuttosto raro nelle produzioni discografiche contemporanee – e ciascuno contribuisce ad arricchire il brano con la propria personale creatività.

Alla formazione, composta da Stefano Mastruzzi, chitarrista, arrangiatore e produttore dell’intero progetto artistico, Cristiano Micalizzi alla batteria, Stefano Lestini al pianoforte e Dario Rosciglione al contrabbasso, si affianca la collaborazione preziosa di un nutrito numero di musicisti, che trova sempre una giustificazione artistica e una collocazione naturale nei brani.

Si parte dallo storico Space Jazz Trio, formato da Enrico Pieranunzi al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso e Fabrizio Sferra alla batteria. Lo Space Jazz Trio ha costituito negli anni’70 e ’80 il trio di riferimento del Jazz italiano, esportato in tutto il mondo. Si tratta, pertanto di una ‘reunion’ davvero eccezionale che lascia un segno indelebile in tre brani, Prima che sia mattina, Credimi e Guarda il mare.
Il brano Babit, in una delle due versioni presenti nell’album, si avvale dell’arrangiamento di Franco Micalizzi, compositore e arrangiatore storico del genere “poliziesco” degli anni Settanta.

I colori percussivi del disco vengono affidati all’arte e alla magia di Giovanni Imparato e non sarebbe possibile non citare l’intervento di Saturnino, bassista e alter ego di Jovanotti, nei brani A volte zero e Azzurra.

#PLAYINGISNOTAGAME

Il Saint Louis è la prima e unica Istituzione di Alta Formazione Artistica Musicale in Italia autorizzata dal Ministero dell’Istruzione,Università e Ricerca al rilascio di diplomi accademici di I e II livello, equivalenti a laurea magistrale specialistica.

Miur pre-iscrizioni

CORPODOCENTI

COLLEGIO DOCENTI

Biografie e informazioni su tutto il corpo docente

CONSIGLIO ACCADEMICO

Elenco e contatti dei coordinatori responsabili di dipartimento

ARTISTI IN VISITA

Master classes, lezioni concerto, docenti e artisti in visita

AREA RISERVATA DOCENTI

Sezione riservata per i docenti Saint Louis

AREA-ALLIEVI

AREA RISERVATA

Informazioni sulla didattica e sulla posizione amministrativa

PRENOTAZIONE AULE

Controlla la disponibilità ed invia una richiesta di prenotazione

CALENDARIO LEZIONI

Consulta il calendario e i turni delle lezione

VIDEO LEZIONI

Lezioni in video conferenza su Skype e Zoom

PRODUZIONE E RICERCA

AGENZIA ARTISTICA

Tutte le produzioni Saint Louis

DOTTORATI DI RICERCA

Pubblicazioni e Ricerca

FORMAZIONI RESIDENTI

Orchestre, Formazioni Corali e Gruppi Residenti

EDITORIA

Saint Louis DOC

COLLANEDISCOGRAFICHE

Jazz Collection

World Music / Nu Jazz  

Pop Rock

Band emergenti

FESTIVAL NAZIONALI

FESTIVAL INTERNAZIONALI

STUDENTIESTERI

STUDIARE AL SAINT LOUIS

Procedure di iscrizione e informazioni utili per Studenti Internazionali

ERASMUSINCOMING

IN ENTRATA

Per studenti e docenti in entrata al Saint Louis College of Music

ERASMUSOUTGOING

IN USCITA

Per studenti, tirocinanti e docenti in uscita dal Saint Louis, in Europa e Oltre l’Europa

MAILFORM

11 + 3 =

FORMAT LIVE

RASSEGNE E CONTEST

Allievi Area
X